Bando per il sostegno all’acquisizione di servizi di Audit I 4.0

La Regione Toscana ha pubblicato il bando per il sostegno all’acquisizione di servizi di Audit I 4.0 con cui saranno finanziati progetti di innovazione legati alle seguenti priorità tecnologiche:

  • ICT e FOTONICA
  • FABBRICA INTELLIGENTE
  • CHIMICA e NANOTECNOLOGIA

L’obiettivo perseguito dalla Regione Toscana è quello di:

  • promuovere presso le imprese i contenuti tecnologici, organizzativi e socioeconomici dei temi del nuovo paradigma Industria 4.0 anche tramite la concessione di agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale, erogate, di norma, nella forma di voucher;
  • proporre i contenuti tecnici di azioni ed interventi regionali finalizzati alla introduzione delle tecnologie digitali nelle imprese, con particolare riferimento alle PMI, al rapporto impresa committente/supply chain e alle filiere produttive specializzate regionali;
  • analizzare le problematiche delle competenze specializzate, della formazione tecnica e professionale, dell’alta formazione;
  • esaminare gli impatti sulla organizzazione del lavoro.

Possono presentare domanda:

  1. Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), compresi i liberi professionisti (equiparati alle imprese ai sensi della delibera di Giunta regionale n. 240/2017), in forma singola o associata (ATS, ATI, Rete-Contratto), le Reti Contratto e le ATS/ATI sono ammissibili solo se costituite da almeno 3 micro, piccole e medie imprese in possesso dei requisiti previsti al paragrafo 2.2. Ciascuna impresa può partecipare solo ad una Rete-Contratto, ATS e ATI richiedente l’agevolazione, pena l’ inammissibilità delle successive domande nelle quali è presente la medesima impresa;
  2. reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Consorzi, società consortili.
    Le Reti Soggetto, i Consorzi, le società consortili sono ammissibili se in possesso dei requisiti previsti dal bando al paragrafo 2.2 e solo se costituite da almeno 3 micro, piccole e medie imprese con sede legale o unità locale all’interno del territorio regionale;
  3. esercitanti un’attività economica identificata come primaria nelle sezioni ATECO ISTAT 2007 del raggruppamento del Manifatturiero individuate nella delibera di Giunta regionale n.643 del 28/07/2014.

Per maggiori informazioni e per prendere visione del bando integrale e di tutti i suoi allegati, visita la pagina.

Recent Posts